indietro

L'apprendimento cooperativo (breve guida per cominciare)

La società cambia

Charles Handy nel suo libro The age of unreason2 afferma che ci troviamo nell'età

dell'irrazionalità. Egli afferma che il mondo che hanno conosciuto i nostri genitori e i nostri

nonni non è più il nostro. Tutto si trasforma ad una velocità tale che diventa impossibile fare

delle previsioni a lungo termine.

Obiettivo dell'uomo, all'inizio dell'età moderna, era dominare la natura; Bacone, Galileo,

Cartesio svilupparono metodi che potessero consentire di cogliere le sue leggi e di

prevederne gli sviluppi.

L'uomo per dominare sulla natura, nel corso del tempo, ha realizzato una serie di strumenti

che a loro volta hanno modificato il mondo rendendolo più comodo ma anche più

complesso e più difficile da controllare; il computer ed il cellulare, ad esempio, se da un lato

semplificano le comunicazioni, dall'altro impongono l'acquisizione di nuove competenze e

capacità.

Per vivere in questa società bisogna essere in grado di adattarsi velocemente al

cambiamento e rendersi conto del fatto che gli uomini sono legati l'un l'altro ormai a livello

planetario. Troppo spesso a livello di percezione soggettiva ci si comporta ancora in modo

individualistico ed in modo competitivo, mentre le situazioni che viviamo ogni giorno possono

essere affrontate solo in modo cooperativo. Non è un caso che le persone che riescono a far

sentire la loro voce siano quelle che sanno associarsi; sono nate con l'obiettivo di far valere

dei diritti fondamentali, ad esempio, le associazioni di consumatori, le associazioni dei genitori

di bambini down, le associazioni dei familiari delle vittime di Ustica. Segue

Se vuoi ricevere gratuitamente tutta la dispensa richiedila a info@abilidendi.it

indietro